Passa ai contenuti principali

Recensione. I SIGNORI DELLE BALENE - Alen Grana


[...]le parole che pronuncerà non saranno di richiesta. "Trema il cappio sopra la tua testa, cigola il legno sotto il tuo stivale, lo sa il mare" comincia a cantilenare., mentre l'equipaggio di Dot si sporge per ascoltare. "L'onda è funesta, l'onda divora, alta la nave vola, lo sa il mare" 
[I signori delle balene, Alen Grana, La piccola volante, p. 46]


Titolo. I SIGNORI DELLE BALENE
Autore. Alen Grana
Editore. La piccola volante
Anno. 2014
Pagine. 272
Prezzo. 14,00 €
Ebook. si
SINOSSI.
Questo non è un libro: è l'Oceano sconfinato, è la Rotta delle Sirene, è l'infida Baia delle Sabbie. È la storia dei Quattro Cannoni, è la maschera della strega. È l'esperimento del Dottor Sangue e il piccolo dente d'oro di Tramonto, il cacciatore di taglie. È la Giusta Sentenza, il porto di Kartax. È la Taverna del Generale Zoppo e la storia dei Bambini Abbandonati. È la bottiglia vuota di Bart il Pazzo. È un occhio gigantesco di balena.
Buon viaggio, pirati.

RECENSIONE.

SI respira aria di mare leggendo I Signori delle balene, opera prima di Alen Grana e primo volume di una saga che ha per tema la pirateria e il mare (ovviamente :)) declinati in chiave fantastica e, perché no, "cinematografica".
Il tempo di mollare l'ancora e si va.
Credo che ci sia un tempo per ogni libro.
Che sia racconto, antologia o romanzo ogni volume che ci capita tra le mani dà piacere nella lettura solo se lo leggiamo quando "è il suo momento". I signori delle balene è l'esempio migliore che posso dare, a corollario di questa tesi.
Iniziato quando non ero nell'umore giusto per apprezzarlo, lasciato a "sedimentare" per qualche mese sul comodino, poi ripreso. L'ho terminato in un paio di giorni respirando l'aria salmastra del mare che si incrosta alle assi di legno fradicie del ponte di una nave; il profumo viziato delle città portuali e quello vagamente tossico della bottega di una strega. 

Alen Grana - I signori delle balene
Scivola via fluida, come una nave con le vele gonfiate dal vento "giusto", questa storia di pirati e di sirene, di amori e tradimenti, di amicizie e delusioni.
Una storia che comincia nel peggiore dei modi, con un'impiccagione, e prosegue sulla rotta delle sirene, con un'entusiasmo che non viene mai meno e che ti accompagna fino all'ultima pagina.

Un fantasy strutturato a "capitoli alternati", nei quali la storia principale a unica voce narrante (quella di Will il mozzo) è inframmezzata da flashback che svelano, centellinandolo, il passato dei membri della ciurma del Re Balena e del suo Capitano, Frygg Blue. Un percorso di lettura frammentato che, solo all'inizio, richiede ci si faccia un po' la... vista.

In generale la trama tiene bene per tutta la storia e Alen è molto bravo a destreggiarsi tra i vari personaggi, muovendone sapientemente le azioni e i dialoghi, mai forzati anzi. Una caratteristica del romanzo è la resa quasi "cinematografica" dell'intera narrazione, una resa che dà alla storia una buona tensione e ritmo. Lo stile di Alen Grana è scorrevole, fresco con periodi generalmente brevi e ritmati. Durante la lettura riesci a calpestare le assi della Re Balena, a sentire il cappio attorno al collo e l'odore puzzolente di rum mischiato a coaguli di vomito delle peggiori bettole dei porti di attracco.

Tuttavia, sono arrivata ad un punto del romanzo in cui la sospensione della realtà, che si era tenuta alla larga per tutta la lettura, ha scricchiolato. Senza fare spoiler, posso dire che ho iniziato a farmi domande arrivata alla rivelazione di una certa maledizione e di un certo piano di azione. E le domande, infide e vigliacche, hanno preso il sopravvento sulla storia.

A parte questo,I Signori delle balene si è rivelata, per me, una buona lettura per stile, intreccio e personaggi e una valida opera prima.
Un libro godibile, da leggere sdraiati sulla sabbia o, meglio, seduti su uno scoglio, un po' al riparo dagli altri spiaggianti.

Se fosse un film, sarebbe Pirati dei Caraibi 
Se fosse una canzone, sarebbe My jolly sailor bold (dal film Pirati dei Caraibi)
Da leggere in su uno scoglio, vicino l'acqua
Cosa ne pensate?

Sono curiosa di leggere i vostri commenti!
E, come sempre, Buone letture ♥
---
Restiamo in contatto? Instagram// Twitter // Goodreads

Commenti

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

PARANOIAE. Giulio Rincione (batawp) - Recensione

Disclaimer. Se siete tristi, desolati, tutto questo non fa per voi.

(non è da qui che...)Alan ha un mostro nella pancia. Una creatura abominevole che gli sta acquattata nello stomaco e si alimenta di lui, succhiandone la vita un po' alla volta.
Alan vive in un loop, nella routine dell'esistenza, aspetta Emily che prima o poi ritornerà, che forse non se n'è mai andata che forse è già andata via. (Da quando?)
Alan ha chiuso tutti fuori, dentro resta solo lui, lui col suo mostro, e il mangime che gli dà per farlo stare quieto non è più sufficiente. Il mostro ha fame. E vuole che Alan lo liberi. Fuori. Dentro.

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…