Passa ai contenuti principali

Recensione. INTANTO, DA QUALCHE PARTE NELLO SPAZIO... - Aa. Vv.

E, insomma, rieccoci qui, cacciatori di storie!
Oggi riprendiamo, con calma e tante pause per respirare tra un post e l'altro, la nostra esplorazione di libri e pagine.
E ce ne sono, di libri e di pagine da raccontarvi! Perché, mentre il blog oziava, io lasciavo qualche diottria appresso a storia belle e curiose. Alcune delle quali finiranno, probabilmente, in un post collettivo di "cosa ho letto e perché ve lo consiglio".

Però oggi non è domani e quindi lasciamo perdere il futuro. 
Anzi, no. 
Quella che vi propongo è una lettura di qualche tempo fa che -potere dei social- ho fatto grazie a un twitt di Claudia (qui il suo blog) complice anche la copertina che, diciamolo, fa la sua porca aliena figura.

Curiosi di saperne di più? :3




Titolo. Intanto, da qualche parte nello spazio...
Autore. Aa. Vv.
Editore. Gorilla Sapiens
Anno. 2014
Pagine. 144
Prezzo. 13,00 €
Ebook. no
SINOSSI. [dalla quarta di copertina] Gorilla Sapiens, prima di essere il nome di una casa editrice, è stato il titolo italiano di un libro di fantascienza degli scrittori L. Sprague De Camp e Peter Schuyler Miller. Per celebrare questo legame, involontario ma gradito, proponiamo una selezione di racconti di fantascienza. A volte facciamo lunghi viaggi spaziali per trovare un posto familiare. A volte facciamo lunghi giri di parole per parlare di noi. Gli autori (in ordine di apparizione): Alessandro Sesto, Carlo Sperduti, Massimo Eternauta, Andrea Paolucci, Leonardo Battisti, Filippo Balestra, Pee Gee Daniel, Cristina Caloni, Marco Montozzi, Luigi Lorusso, Alessandro Dezi, Alberto Rafael Colombo Pastran, Davide Predosin, Paolo De Caro, Carlo Zambotti.

RECENSIONE.


Intanto da qualche parte nello spazio... è un libretto che si legge senza sforzo e il termine "libretto" è riferito alle dimensioni (sta perfetto in tasche molto larghe o in borse molto piccole), non al contenuto.
Una raccolta di racconti (e un giorno scriverò un pamphlet in difesa dei racconti che, non ho ancora capito perché, i più snobbano mentre a me piace da matti avere la possibilità, in un solo volume, di trovare decine e decine di storie diverse, e personaggi, e accidenti... ho detto: "un giorno.") di fantascienza tutta italiana.

Fantascienza, sì, per quanto più fantastica che fantascientifica. (E i duri e puri del genere, gli amanti dell'hard SF prendano il volume come un gioco, non stiano lì a dire "eh, ma mancano i dettagli, i bulloni, le meraviglie scientifiche...")

Gli autori hanno rielaborato il genere secondo i propri gusti, punti di vista e stili. Immergendo, però, la parte fantastica (o fantascientifica) nella realtà e nelle problematiche contemporanee e conterranee.
Nello "spazio" che è il Paese in cui viviamo, che cambia, ma poco, e solo tecnologicamente. 
E gli uomini restano, uguali agli uomini del passato-presente, con i loro problemi e i loro errori, con le loro schizofrenie quotidiane.
E la Terra che ogni tanto muore, sulla superficie della quale cose si estinguono e altre risorgono.

"Si vabbè, ma i racconti come sono?" sento chiedere alle testoline arruffate in fondo alla sala.

Sempre difficile recensire una Aa.Vv. perché, a differenza delle raccolte monoautore, toccherebbe fare una recensione per singoli racconti cosa che, anche no.

E allora basta dire (forse) che tutte le storie qui raccolte meritano i minuti spesi a leggerle, alcune più di altre e altre resteranno a girare più di alcune nelle testoline curiose, riflessive, affascinate. Che troverete finti androidi che ambiscono a un concorso pubblico da bidello e coinquilini che si trovano a fare i conti con entità che entrano ed escono da fessure nello spazio; ci sono libertà che chiedono di essere totali; un Papa addotto e disoccupati la cui condanna all'inattività è una condanna a morte. E ultimi uomini che guardano dall'alto di un grattacielo una Terra pacificamente deserta.

Un bel biglietto da visita per Gorilla Sapiens, che permette al lettore non soltanto di passare una giornata di piacevole lettura (e questo vale sia per i fan del genere che per i "non addetti ai lavori"), ma anche di farsi un'idea degli autori presenti nel catalogo della casa editrice.
Per esempio, a me è venuta voglia di approfondire la conoscenza di Alessandro Sesto (e infatti ne riparliamo a breve).

Se fosse un film, sarebbe Brazil - Terry Gilliam
Se fosse una canzone, sarebbe Lucy in the sky with diamonds - Beatles
Da leggere in sdraiati su un'aiuola spartitraffico
Lo avete già letto?
Sono curiosa di sapere cosa ne pensate!
E, come sempre, Buone letture ♥
---
Restiamo in contatto? Instagram// Twitter // Goodreads

Commenti

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

PARANOIAE. Giulio Rincione (batawp) - Recensione

Disclaimer. Se siete tristi, desolati, tutto questo non fa per voi.

(non è da qui che...)Alan ha un mostro nella pancia. Una creatura abominevole che gli sta acquattata nello stomaco e si alimenta di lui, succhiandone la vita un po' alla volta.
Alan vive in un loop, nella routine dell'esistenza, aspetta Emily che prima o poi ritornerà, che forse non se n'è mai andata che forse è già andata via. (Da quando?)
Alan ha chiuso tutti fuori, dentro resta solo lui, lui col suo mostro, e il mangime che gli dà per farlo stare quieto non è più sufficiente. Il mostro ha fame. E vuole che Alan lo liberi. Fuori. Dentro.

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…