Passa ai contenuti principali

Il sabato del fumetto (2) - LE STRADE DI SABBIA, Paco Roca. RECENSIONE

Salve a tutti!
Secondo appuntamento con [*musichetta di sottofondo* Peperèpepé] Il sabato del fumetto, rubrica che vi spiega un po' di cose sulla narrativa fatta con i disegnini :)

Oggi vi parlo di Le strade di sabbia, una graphic novel targata Tunué il cui autore, Paco Roca magari vi sarà noto per un altro suo lavoro -che, personalmente, ancora non ho letto- Rughe

E visto che siamo in tema, prima di passare alla recensione, vi invito a leggere questo mio breve articolo, scritto per Rivista fra le righe sui rapporti non sospetti tra letteratura e fumetti ;)



LE STRADE DI SABBIA
Paco Roca [trad. Alessandra Papa]
Tunué, 96 pg, 2009
9,90€
Ebook non disponibile


RECENSIONE.

UN po' come il protagonista di questa storia, è il caso che mi ha portata a leggere Le strade di sabbia. 
Sapete quei periodi, quando la vita ti si mette in mezzo alla strada e sceglie per te? Destino, lo chiamano.
Io avrei voluto prendere "Rughe", ma la mano ha puntato altro allo stand della Tunuè presente a Libri da scoprire. Perciò, eccoci qui.

In effetti, è stata la trama a convincermi, trascinandomi tra i vicoli e gli anfratti di una città senza nome, popolata da uomini e donne che sembrano uscire direttamente da un film di Lynch. Creature intrappolate nelle loro manie, in dialoghi che si ripetono con minime, impercettibili variazioni; uomini che attendono la morte da anni, già pronti nella bara che è tutto ciò che desideravano comprare nella vita; cartografi che disegnano mappe in scala 1:1 e postine mute, che scrivono e consegnano lettere che sono loro stesse a scrivere ogni notte.

Ogni personaggio di questa storia è un prigioniero confortato dalla prigionia. Gli abitanti della città dalla quale è impossibile fuggire una volta che ci si è messo piede, hanno creato attorno a loro un bozzolo, un cuscinetto di abitudini che li protegge dal dolore e dalle delusioni.
Le azioni ripetitive e senza senso, le inutili schermagli e i mutismi non sono che riproduzioni, con mezzi diversi, di uno stesso schema difensivo.

In questa città, -che è poi un angolo sconosciuto di una città più grande - finisce il nostro protagonista, un ragazzo inaffidabile già dalle prime vignette. Se fosse una ragazzina la definiremmo con l'abusatissima frase fatta: "la testa tra le nuvole". 
Il nostro uomo, del quale non sapremo mai il nome, ha un appuntamento. Un appuntamento importante dal quale, ci pare di capire, dipenderà il suo futuro. E lui, nonostante sia in ritardo, agisce in maniera sconclusionata, aumentando ancora di più il ritardo accumulato finché, ormai del tutto perso, non deciderà di prendere una scorciatoia. E la scorciatoia lo porterà nella città dalle strade di sabbia.

Le tavole di Roca sono una morbida e fluida continuità di linee e colori; i suoi tratti hanno un curioso effetto lenitivo sulla psiche del lettore, hanno un che di gommoso: ti avvolgono e ti trascinano piano piano dentro e attraverso la storia.

Roca usa il cambio di colore nelle tavole per creare stacchi tra una sequenza e l'altra, tra le azioni compiute nella realtà e i passaggi nel sogno.

Ogni elemento, in ciascuna vignetta, è reso nel minimo dettaglio così che ogni tavola risulta colma di minuziose informazioni che riempiono la vista del lettore, senza che nessuna risulti fuori posto. Stessa cosa avviene per i personaggi che sembrano figurine d'argilla per quanto sono vividi: dei micro-golem d'inchiostro.

La quarta di copertina ci avvisa che Le strade di sabbia è un "racconto che non lascia dormire".
L'impressione che ne ho ricavata, invece, è di un racconto che invita a sognare.



Buon fine settimana!
E, come sempre, Buone letture.



Restiamo in contatto? InstagramTwitterGoodreadsFacebook

Commenti

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

PARANOIAE. Giulio Rincione (batawp) - Recensione

Disclaimer. Se siete tristi, desolati, tutto questo non fa per voi.

(non è da qui che...)Alan ha un mostro nella pancia. Una creatura abominevole che gli sta acquattata nello stomaco e si alimenta di lui, succhiandone la vita un po' alla volta.
Alan vive in un loop, nella routine dell'esistenza, aspetta Emily che prima o poi ritornerà, che forse non se n'è mai andata che forse è già andata via. (Da quando?)
Alan ha chiuso tutti fuori, dentro resta solo lui, lui col suo mostro, e il mangime che gli dà per farlo stare quieto non è più sufficiente. Il mostro ha fame. E vuole che Alan lo liberi. Fuori. Dentro.

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…