Passa ai contenuti principali

Il sabato del fumetto (3) - CATARSI, Luz

Buon fine settimana, cacciatori di belle letture!

Mentre alcuni di voi staranno già affilando le armi (mani e capacità matematica) per fiondarsi nei mercatini alla ricerca di titoli introvabili o di quella prima edizione a un euro, mi prendo un po' del vostro tempo per parlarvi di un fumetto che non è proprio tale, di una graphic novel che non appartiene del tutto al giro. 

Voglio parlarvi di quel bisogno che ho avvertito, nei giorni immediatamente successivi agli attentati di Parigi, di staccare la spina ai social network. Cinema, libreria, biblioteca. Queste sono state, nell'ordine, le tappe della mia catarsi. Un bisogno proprio viscerale (e per una volta non sto abusando del termine) di dire "basta!" alle parole vuote, alla digitazione ossessiva di status che facevano accapponare la pelle a leggerli e che sempre più assomigliavano a latrati pestati su una tastiera.

Lunedì, dopo la proiezione pomeridiana di The Lobster, ho allungato la strada e mi sono fermata in libreria. Erano settimane che avrei voluto leggere Catarsi di Luz, desiderio sempre rimandato in vista dell'ordine natalizio su ibs. Quello degli ultimi acquisti librosi dell'anno.
Ma dopo sabato, mi sono resa conto, non aveva più senso rimandare oltre. Quindi sono andata in libreria con un solo titolo in mente.
Avevo bisogno di leggere.


CATARSI
Luz
Bao Publishing, 128, 2015
16,00€
Ebook non disponibile

RECENSIONE. 
Nella scheda del volume, la Bao inserisce Catarsi [tit. or. Chatarsis] nel genere del "tentativo di guarigione" che, ovviamente, non è un vero e proprio genere, ma è proprio ciò che Catarsi è: una somma di pagine e di disegni, a volte solo di tratti confusi di penna che formano corpi che poi si fondono e si infiammano e svaniscono e si ricompattano, che ha un elevato valore terapeutico. Per l'autore, probabilmente, ma anche per chi si avvicina a questo volume con il desiderio di sapere e che arriva, alla fine, a capire che l'unica risposta alla domanda più ricorrente, quel "perché" che rimbalza un po' ovunque come una pallina da ping-pong, non può che essere il silenzio.
Che non ci sono risposte, che non si può pretendere di trovare una soluzione concreta, magari consolatoria, all'enormità di un atto che non solo è inspiegabile, ma è anche inspiegabilmente crudele.

Catarsi è, in prima analisi, la vita di Luz dopo i fatti del 7 gennaio; una vita tormentata dal senso di colpa (Luz arrivò in ritardo quel giorno alla sede di Charlie Hebdo ed era sua la copertina del 100° numero della rivista raffigurante Maometto che avrebbe scatenato, quattro anni dopo, l'azione omicida dei fratelli Kouachi) e dal bisogno di tornare a disegnare frenato e impedito dal "nodo allo stomaco" che viene raffigurato in una delle tavole.

Dopo l'attentato del 7 gennaio, Luz si trova ad essere inerte: "il disegno mi ha abbandonato", scrive nel volume e, scorrendo le pagine, ci intrufoliamo nella sua vita del "dopo", quella che coniuga l'odio, la frustrazione, la rabbia, la paura con l'amore assoluto e incondizionato della sua compagna. Il sesso si trasforma nella miccia che impedisce alla carica esplosiva del desiderio di distruzione e annullamento che la morte dei suoi colleghi e amici ha ammucchiato dentro di lui di esplodere. L'amore lo riempie, lo brucia e lo consegna alle braccia appassionate, protettive e terapeutiche della sua compagna. ("Abbiamo versato lacrime a fottere, amore mio" è una delle battute più belle del volume).

Ma in Catarsi c'è anche la satira, che da sempre si accompagna al disegno di Luz e che non risparmia nessuno, né i fratelli Kouachi, né il presidente francese; non gli integralisti e tantomeno coloro che invasero la sede di Charlie Hebdo di messaggi di cordoglio più o meno esibizionisti.

Il volume si chiude con una nota di speranza, dopo tanti attimi di disillusione e di sconforto. Una speranza che è rappresentata dall'immagine di un omino (o una donnina) in movimento. Un nuovo inizio per Luz e la sua compagna. Un inno alla vita e alla libertà e al bisogno di accettare il passato, nonostante tutto, nonostante "il nodo allo stomaco" che riappare, di tanto in tanto, e dal quale sarà impossibile separarsi mai del tutto.

Sono curiosa di leggere i vostri commenti! E, come sempre, Buone letture ♥

Restiamo in contatto? InstagramTwitterGoodreadsFacebook

Commenti

  1. Sembra davvero interessante... ci farò un pensierino, anche se non è propriamente il mio genere!

    RispondiElimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

BIBLIOFETICCI. Casa di Foglie - Mark Z. Danielewski

Oggi, anno del signore 2017, inauguriamo Bibliofeticci, rubrica a cadenza boh che si occuperà di quei testi che, per svariate ragioni, sono finiti nel buco nero dei fuori catalogo. E hanno, quasi nello stesso momento, scatenato le brame dei collezionisti.
A inaugurare la rubrica non poteva che essere Casa di foglie [tit. or. House of Leaves] di Mark Z. Danielewski autore che, se qui è praticamente sconosciuto, in America gode di un nutrito – e meritato - seguito di fan.

Danielewski impiega circa dieci anni per scrivere, anzi assemblare Casa di foglie, e nel farlo lascia che alcune parti vengano diffuse via web, suscitando fin da subito l'interesse del pubblico. Tredici anni è invece il tempo che impiega per mettere a punto il suo secondo lavoro, un'epopea familiare che è nota come la saga di The familiar.

Pubblicato in patria nel 2000, ristampato da allora più volte e considerato, a oggi, l'opera principale di MZD, Casa di foglie viene portato in Italia da Mondadori che, nell…

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…

*Chi l'ha letto?* n°2 - Anais Nin e Il delta di Venere

Buongiorno lettori alle prese con il cappuccino e le sveglie e le camicie che è una tortura indossarle con questo tempo. Spazio rubrica mensile che ho un po' modificato, nel corso del mese. Se prima Chi l'ha letto? si occupava di scrittori dimenticati, da questo momento parleremo di quelle opere che non tutti conosco e che, per un motivo o un altro, meriterebbero una lettura. Penso che, in questo modo, la rubrica possa risultare più interessante e meno "agiografica". In fondo, a noi lettori, frega meno dello scrittore e più delle cose che ha scritto... non vi pare?

L'opera di questo mese è l'antologia erotica Il delta di Venere, scritta negli anni quaranta da Anais Nin, amica di Henry Miller e figura particolare della letteratura americana degli anni sessanta. Il delta di Venere è una raccolta di racconti che vide la luce parecchi anni dopo la loro stesura, quando già la Nin aveva ottenuto un suo riconoscimento letterario con la pubblicazione dei Diari. Si tr…