Passa ai contenuti principali

Recensione. AIUTO! UN ORSO MI STA MANGIANDO! - Mykle Hansen


Voglio mangiare cose pre-cacciate, pre-spellate, pre-cotte, non pericolose, che non vanno mai a male e sono sempre croccanti e non ti masticano le gambe. [Aiuto! Un orso mi sta mangiando! Mykle Hansen, Meridiano zero, p. 124, trad. F. Francis]
Buongiorno e bentornati, cacciatori di storie ai limiti della realtà!

Il romanzo di cui vi parlo oggi è una casualità, una lettura che mai avrei fatto se non ne avessi letto su una postfazione. Voi le leggete mai, le postfazioni? Ecco, fatelo, perché magari vi suggeriscono piccoli gioielli come questo Aiuto! Un orso mi sta mangiando! di Mykle Hansen, autore tra i leader della bizzarro fiction e che in Italia, tempo addietro, è stato proposto, sempre da Meridiano zero, anche col titolo da accapponarsi la pelliccia di "Missione in Alaska".

Il protagonista della storia è simile, per ideologia, al protagonista di "Fight Club" di Palahniuk. Ma qui la bizzarria e il pulp e la satira sociale sono così ben scritti che non riesci, letteralmente, a staccarti dalle pagine. E ti senti un po' orso, con le zampe impastate di miele. O di sangue.



AIUTO! UN ORSO MI STA MANGIANDO! [Help! A bear is eating me!]
Mykle Hansen [trad. Francesco Francis]
Meridiano zero, 176 p., 2012
10,00 €
Ebook non disponibile

RECENSIONE.
Marv Pushkin, il nostro protagonista, non ché voce narrante, nonché chewing-gum per orsi, è uno stronzo.
Trovatemi, sul serio, un personaggio più psicotico, misogino, misantropo, xenofobo e omofobo di Marv. Ve lo dico: non ci riuscirete.
Marv è un manager in carriera anzi, un "motivatore" che ha deciso di organizzare uno di quegli orrendi weekend motivazionali su, in Alaska. Per cementare il gruppo di sottoposti andando a caccia d'orsi.
Inoltre Marv ha un piano, che però non riesce a portare avanti perché finisce intrappolato sotto la sua Rover e le sue estremità inferiori si trasformano nel pasto di un orso bruno.
Mentre attendiamo con lui i soccorsi, che arriveranno, ma tanto lui ha una serie impressionante di pillole e droghe per ignorare il dolore, Marv ci intrattiene con la storia della sua vita.

Aiuto! Un orso mi sta mangiando! è un assurdo, esilarante e bizzarro lunghissimo monologo che esalta e demolisce la società del rampatismo; quella società del consumo e dell'usura che ha fatto di Futilità e Denaro idoli a cui cedere vita, anima e stabilità mentale.


Ma invece no: la natura non sa proprio stare al suo posto. Deve alzare la testa, lei. E allora io dico: natura, sei licenziata! Alaska, il tuo giardino fa schifo e i vicini sono preoccupati. La tua eccessiva proliferazione di natura non-regolamentata dev'essere potata e delimitata. Tutti quei boschi sono campi di addestramento per il terrorismo ursino: vanno disboscati. La tua tundra rappresenta un rischio per la circolazione dei fuoristrada: va spianata, livellata e asfaltata. I tuoi giacimenti di petrolio e di gas possono esplodere in ogni momento: è urgente prosciugarli. [Aiuto! Un orso mi sta mangiando! Mykle Hansen, Meridiano zero, p. 126, trad. F. Francis]

Marv è un sociopatico, con una tragedia e un mucchio di dolore alle spalle ma, ehi! se ti mostri debole per un solo istante questa società ti mastica e inghiotte nel giro di un secondo, quindi mostrati aggressivo, impasticcati se serve, vai al massimo e delega, impara a delegare. Sfrutta gli altri per essere indicato come il migliore. Nascondi e sotterra sentimenti e paure. Un orso ti sta mangiando? Sii ottimista, sorridi, butta giù qualche pasticca e trova il lato positivo in quelle zanne che stanno masticando un pezzo della tua tibia.

Il delirante monologare di Marv Pushkin è un fiume in piena, un autentico gorgo di parole che ti afferra per trascinarti una pagina dopo l'altra verso la fine folle di questa assurda storia.
Mykle Hansen sa come dosare la critica sociale a uno stile ritmato ed efficace e a un cinismo che si aggrovigliano al lettore, lo drogano di curiosità e di empatia. Empatia, sì, perché nonostante Marv Pushkin sia quanto di peggio un uomo possa essere, non si riesce a non identificarsi con lui e a provare anche una certa simpatia nei suoi confronti, per l'assurdità della situazione in cui si trova, per i modi in cui la racconta, per le deliranti conseguenze delle sue azioni.

L'unica nota negativa è che si legge troppo in fretta e, ahimè, una prosa come questa dà dipendenza.

Cosa ne pensate? Lo avete già letto?
Sono curiosa di leggere i vostri commenti!
E, come sempre, Buone letture ♥

Restiamo in contatto? InstagramTwitterGoodreadsFacebook

Commenti

  1. Ero davvero curiosa di leggere la tua recensione e ora non ho più dubbi, questo libro finisce dritto dritto in wish list :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Susanna! E infatti volevo avvisarti di aver messo online la rece :D Guarda, io l'ho trovato a dir poco fantastico, e anche se le opinioni personali valgono come il due di picche, per originalità, stile, trama e delirio intrinseco è una cosa che se ti capita tra le mani, la devi leggere. :3

      Elimina
  2. A me è piaciuto molto, inizialmente, anche perché l'odiosissimo personaggio principale è davvero reso bene...però dopo un bell'inizio mi ha annoiato, praticamente è un monologo sulla sua vita... :(

    RispondiElimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

PARANOIAE. Giulio Rincione (batawp) - Recensione

Disclaimer. Se siete tristi, desolati, tutto questo non fa per voi.

(non è da qui che...)Alan ha un mostro nella pancia. Una creatura abominevole che gli sta acquattata nello stomaco e si alimenta di lui, succhiandone la vita un po' alla volta.
Alan vive in un loop, nella routine dell'esistenza, aspetta Emily che prima o poi ritornerà, che forse non se n'è mai andata che forse è già andata via. (Da quando?)
Alan ha chiuso tutti fuori, dentro resta solo lui, lui col suo mostro, e il mangime che gli dà per farlo stare quieto non è più sufficiente. Il mostro ha fame. E vuole che Alan lo liberi. Fuori. Dentro.

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…