Passa ai contenuti principali

Recensione. CHUPA CUPS! - Daniele Pollero

Buongiorno cacciatori di storie!
Diamo inizio alla settimana con una recensione da sgranocchiare con avidità. Ho letto e recensito per voi la raccolta di racconti Chupa Chups! di Daniele Pollero. 116 pagine di giochi linguistici, ironia, satira e quotidianità.
Buona lettura!


CHUPA CHUPS!
Daniele Pollero
Panesi Edizioni, 116 p., 2015
1,99 €
Ebook

RECENSIONE. Il fantasma di un bambino semina panico in una panetteria; uno studente universitario affronta i gironi infernali della burocrazia studentesca; la bella chiama, lo sfigato speranzoso risponde ma poi trova occupato; un perfetto signor Nessuno diventa qualcuno anche se forse avrebbe preferito di no; il bambino aspetta l'arrivo della Regina delle Fate; una ragazza misteriosa incrociata per caso a scuola fa domande che non trovano risposta, neanche col passare degli anni...

Queste sono solo alcune delle trame mini dei racconti contenuti in questa raccolta digitale scritta da Daniele Pollero e pubblicata da Panesi Edizioni.



E di racconti, in Chupa Chups! ce ne sono tanti. Alcuni brevi come mentine, altri da sgranocchiare avidamente. Tutti accomunati da un umorismo che si fa nero, vira sul verde acido e poi, inaspettatamente, si inzuppa nel caramello.

Chupa Chups! che ho potuto leggere grazie all'autore che me ne ha messo a disposizione una copia, è un buon testo, ricco di spunti e di agganci alla realtà del quotidiano politico e sociale del nostro Paese, come tema incompresi (e incomprensibili), corruzioni e deliri burocratici.
Un buon testo, quindi, che offre trame interessanti (come il social-fi che dà il titolo alla raccolta) ma che presenta qualche scricchiolio.

La lametta nascosta nel chupa chups non sempre risulta sufficientemente affilata e a tratti l'ironia da genuina appare un po' forzata. Così capita che la risata non sempre sia schietta e a volte viene solo da stirare le labbra, come davanti a una barzelletta che si è sentita già troppe volte.
Credo che questo sia un problema dato dalla massa di racconti davvero ingente che, se presi singolarmente, non farebbero l'effetto che chi ha lavorato in una gelateria o in una pasticceria sa bene: dopo un po', tutto quell'insieme di odori invece di suscitare appetito ti convince a una dieta religiosa.

La parte più bella, quella che mi ha convinta maggiormente (e sembra paradossale) è quella costituita dai racconti più riflessivi, quelli dove la vena umoristica non è così invadente e dove lo humor si fa nero, cupo. Elisa, per esempio, è un racconto che spiazza, perché parte come la più adolescenziale delle ghost-story, salvo poi virare verso un'amarissima e malinconica riflessione sul passato visto da un presente che non è esattamente il futuro che avevamo immaginato.

La maggior parte dei racconti è un gioco, un gioco di parole, di contrasti, di personaggi che agiscono come le ombre su carta dell'uomo comune, quello che incontri al bar, quello che trovi in chat e quello che condivide status imbarazzanti sui social network.
Tra i racconti che mi sono piaciuti di più per originalità e trama spiccano: Chupa Chups, Decadi, Nessuno, Elisa, Anna Karenina, La regina delle fate.

Si è trattato, dunque, di una lettura gradevole, che penso meriti una chance.
Il mio consiglio all'autore è invece quello di continuare a scrivere e, soprattutto, di approfondire il suo rapporto con il suo lato più riflessivo perché potrebbe rivelargli delle sorprese (qualora non lo stia già facendo).

Sono curiosa di leggere i vostri commenti! E, come sempre, Buone letture ♥

Restiamo in contatto? InstagramTwitterGoodreadsFacebook

Commenti

  1. Bella copertina, poi è azzeccata no?

    RispondiElimina
  2. La copertina è splendida e tu mi hai davvero incuriosita! Finisce pure lui in wish list! :)

    RispondiElimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

BIBLIOFETICCI. Casa di Foglie - Mark Z. Danielewski

Oggi, anno del signore 2017, inauguriamo Bibliofeticci, rubrica a cadenza boh che si occuperà di quei testi che, per svariate ragioni, sono finiti nel buco nero dei fuori catalogo. E hanno, quasi nello stesso momento, scatenato le brame dei collezionisti.
A inaugurare la rubrica non poteva che essere Casa di foglie [tit. or. House of Leaves] di Mark Z. Danielewski autore che, se qui è praticamente sconosciuto, in America gode di un nutrito – e meritato - seguito di fan.

Danielewski impiega circa dieci anni per scrivere, anzi assemblare Casa di foglie, e nel farlo lascia che alcune parti vengano diffuse via web, suscitando fin da subito l'interesse del pubblico. Tredici anni è invece il tempo che impiega per mettere a punto il suo secondo lavoro, un'epopea familiare che è nota come la saga di The familiar.

Pubblicato in patria nel 2000, ristampato da allora più volte e considerato, a oggi, l'opera principale di MZD, Casa di foglie viene portato in Italia da Mondadori che, nell…

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…

*Chi l'ha letto?* n°2 - Anais Nin e Il delta di Venere

Buongiorno lettori alle prese con il cappuccino e le sveglie e le camicie che è una tortura indossarle con questo tempo. Spazio rubrica mensile che ho un po' modificato, nel corso del mese. Se prima Chi l'ha letto? si occupava di scrittori dimenticati, da questo momento parleremo di quelle opere che non tutti conosco e che, per un motivo o un altro, meriterebbero una lettura. Penso che, in questo modo, la rubrica possa risultare più interessante e meno "agiografica". In fondo, a noi lettori, frega meno dello scrittore e più delle cose che ha scritto... non vi pare?

L'opera di questo mese è l'antologia erotica Il delta di Venere, scritta negli anni quaranta da Anais Nin, amica di Henry Miller e figura particolare della letteratura americana degli anni sessanta. Il delta di Venere è una raccolta di racconti che vide la luce parecchi anni dopo la loro stesura, quando già la Nin aveva ottenuto un suo riconoscimento letterario con la pubblicazione dei Diari. Si tr…