Passa ai contenuti principali

Recensione. LOVECRAFT'S INNSMOUTH - Claudio Vergnani


Voi forse vi credete dei cacciatori di mostri. Ebbene, sapete qual è la novità? Non lo siete. Non lo siete perché credete che la cosa sia nobile e interessante. Niente di più sbagliato. Cacciare i mostri non porta alla gloria. Nel novantanove per cento dei casi porta a guardare i fiori dalla parte delle radici. [Claudio Vergnani, Lovecraft's Innsmouth, Dunwich edizioni]

Buon giorno, cacciatori di libri occulti!

Il post di oggi è dedicato a un autore italiano che ho avuto il piacere di scoprire grazie alla Dunwich edizioni, con la recensione del suo ultimo romanzo: Lovecraft's Innsmouth.
Lovecraft's Innsmouth è un romanzo approvato da Cthulhu

Prima, però, una breve premessa (di cui non fregherà molto a nessuno, ma il blog è il mio ecc... ecc...)
Con Vergnani (l'autore di Lovecraft's Innsmouth) ho avuto modo di scambiare qualche battuta su Facebook proprio in merito al romanzo, e l'impressione che ne ho ricavata è stata quella, piacevolissima e anche un po' destabilizzante, di parlare con un uomo gentile.
Dacci una definizione di gentile!, urlano dal fondo della sala.
Uhmm... vediamo. Credo che nel team Claudio & Vergy l'autore sia inclinato di sessanta gradi verso Claudio.
No, sul serio. Che la gente ha in mente sempre strani tizi che venerano chissà quale demone puzzolente, quando si tratta di scrittori dell'orrore. Ecco, Vergnani (ci sarebbe anche King, e anche i mille altri scrittori di genere, ma lui lo abbiamo "in casa") è l'esempio migliore di come i pregiudizi siano solo un insieme di stupidaggini. Da quelle poche battute (e leggendo altri suoi status e commenti) viene fuori uno scrittore pacato, che ha visto molto, letto altrettanto e, soprattutto, che ha le capacità e le possibilità di rendere parte del suo passato un meraviglioso romanzo dell'orrore. 
Il tutto affogato nella palude Italia, ed è da qui che partiamo.



LOVECRAFT'S INNSMOUTH
Claudio Vergnani
Dunwich edizioni, 462 pg, 2015
2,99€ (ebook)
Ebook disponibile

RECENSIONE.
Leggere Vergnani è un po' come leggere Joe Lansdale e Claudio e Vergy, i protagonisti di Lovecraft's Innsmouth (e di altri romanzi, che presto leggerò), un po' ricalcano, per tipologia e carattere, gli Hap & Leonard lansdaliani con le dovute differenze che rendono le due coppie simili sì, ma anche molto diverse.
I personaggi di Vergnani, Claudio e Vergy, sono due derelitti che vivono in una catapecchia cadente, ereditata da Vergy, hanno alle spalle un passato nemmeno troppo remoto di vita militare e davanti un futuro incerto, fatto di lavori che sono oltre la precarietà, sottoposti a titolari squallidi e sempre rigorosamente in nero, nell'Italia melmosa del presente.
I due sono stati anche, per un certo periodo, dei cacciatori di mostri, attività per il momento in stand-by.
Quando il professor Brandellini li ingaggia come "guardie del corpo" perché lo accompagnino in America, nel parco di divertimenti e dell'orrore di Lovecraft's Innsmouth, non ci mettono molto ad accettare un'offerta che, più che un lavoro, sembra una vacanza stipendiata.
Mai, come un questo caso, le apparenze inganno.

Oh, be', la gente è abbastanza stanca del bello. Ora il brutto attira molto. [Claudio Vergnani, Lovecraft's Innsmouth, Dunwich edizioni, p. 262]
La menzogna è il filo conduttore del romanzo che è un gigantesco gioco del "vero non vero"; un romanzo a strati, in cui ogni strato nasconde una verità che, a sua volta, ne nasconde un'altra e così via, fino a una conclusione che è un punto fermo sulla massima: "A tutti piace la verità, purché non dia fastidio".
Come scrisse Poe (e mi domando quale epiteto userebbe per lui il buon vecchio Vergy) tutti viviamo in "un sogno dentro un sogno", solo che nel caso di Lovecraft's Innsmouth il sogno è un incubo, e l'incubo è solo un modo per nascondere il fatto che la realtà non è niente di più di una squallida commedia, con pessimi attori, una scenografia rubata a una scuola elementare e un impresario che ha deciso di dar fuoco al teatro durante l'ultima esibizione per frodare l'assicurazione e scappare con la cassa.

La frode e l'avidità vanno a braccetto in Lovecraft's Innsmouth, su più livelli, da più parti: tutti mentono, tutti vogliono qualcosa, da Brandellini a Mariko a chi ha messo in piedi e gestisce il baraccone del parco di divertimenti ispirato al racconto di Lovecraft.
Anche quando ti si para davanti nella forma e nell'aspetto di un uomo che assomiglia a un merluzzo del banco frigo, la verità viene derisa, presa a calci e confinata nel recinto dello "scherzo ben giocato". 

E i mostri? E Dagon? E i Grandi Antichi?
Ci sono, certo. Sono modellini come Nessie, animatroni, cristi avvolti nella gommapiuma... 
I Grandi Antichi sono morti, giacciono sui fondali abissali come patetiche carogne dimenticate. "Passi una vita a diventare dio e poi muori" direbbe Chuck Palahniuk. I mostri, i mutanti, sono goffi e deprimenti avanzi di un passato curioso, da studiare o da prendere a calci. Sono freak, fenomeni da baraccone, curiosità da postare su Facebook. 

Non mi importava chi fossero, poveracci trasformati incolpevolmente o eredi abbandonati di un dio che non si ricordava più di loro, che non sapeva che farsene dei suoi adepti, che si era messo a letto e aveva puntato la sveglia molto tardi. [Claudio Vergnani, Lovecraft's Innsmouth, Dunwich edizioni, p. 292]


Lovecraft's Innsmouth è un page turner, uno di quei romanzi che leggi a oltranza, e questo è merito sia di una trama ben pensata e incastrata che non perde mai il ritmo e ti trascina per le varie vicende come un marlin agganciato all'amo di un motoscafo, che di una scrittura fluida e precisa, che alterna momenti di spassosa comicità a punti in cui la tensione si impenna e ti coinvolge fino ad arrivare all'orrore vero e proprio che in Lovecraft's Innsmouth c'è e non se ne sta neppure così nascosto.

Vergy è un virtuosista dell'insulto, i battibecchi tra lui e Claudio  aprono sipari comici che non rompono mai la coerenza della storia, anzi; il modo in cui Vergy demolisce l'opera del "segaiol... ehm solitario di Providence" non nasconde la stima e il rispetto che Vergnani nutre per Lovecraft e rientra, potremmo dire, nella categoria dell'insulto affettuoso.

Un ulteriore punto a favore riguarda le scene di azione pura, quelle delle incursioni notturne e dei combattimenti che in Lovecraft's Innsmouth abbondano. Sono state la parte del romanzo che ho preferito, oltre alla scena finale con Lorna (e mica vorrete uno spoiler, no?), perché leggendole senti che sono state scritte da qualcuno che sa di cosa parla: il camminare nel bosco di notte, l'assenza di visibilità, la difficoltà nell'uso dei visori notturni... sono piccoli dettagli, quasi infinitesimali, che danno però un contributo enorme alla tenuta di un romanzo che vi invito senza riserve a leggere.*


Ci pensai e ripensai, e alla fine l'unico senso che riuscii a trovare fu che nella finzione dei romanzi tutti volevano sapere, a qualunque costo. Nella realtà, al contrario, tutti ficcavano la testa nella sabbia. [Claudio Vergnani, Lovecraft's Innsmouth, Dunwich edizioni, p. 313]
*e se proprio il formato digitale non vi aggrada, sappiate che da questa settimana è disponibile la sua versione cartacea, con tanto di bonus track ;)

Sono curiosa di leggere i vostri commenti! E, come sempre, Buone letture ♥

Restiamo in contatto? InstagramTwitterGoodreadsFacebook

Commenti

  1. Sembra davvero interessante! :)

    RispondiElimina
  2. Ero indeciso se leggerlo o meno...a questo punto non ho più dubbi! Recensione molto interessante :)

    RispondiElimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

PARANOIAE. Giulio Rincione (batawp) - Recensione

Disclaimer. Se siete tristi, desolati, tutto questo non fa per voi.

(non è da qui che...)Alan ha un mostro nella pancia. Una creatura abominevole che gli sta acquattata nello stomaco e si alimenta di lui, succhiandone la vita un po' alla volta.
Alan vive in un loop, nella routine dell'esistenza, aspetta Emily che prima o poi ritornerà, che forse non se n'è mai andata che forse è già andata via. (Da quando?)
Alan ha chiuso tutti fuori, dentro resta solo lui, lui col suo mostro, e il mangime che gli dà per farlo stare quieto non è più sufficiente. Il mostro ha fame. E vuole che Alan lo liberi. Fuori. Dentro.

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…