Passa ai contenuti principali

UGO FOSCOLO INDAGATORE DELL'INCUBO. Davide La Rosa - Recensione

Ci sono storie che superano la distinzione di genere. Tra fumetto e romanzo o racconto. Sono storie che leggi (e ti godi) indipendentemente da come sono presentate. E già solo questo basterebbe a farti capire che quello che hai tra le mani, e sotto gli occhi, è qualcosa che ha meritato il tuo tempo e i tuoi soldi.

Sono quattro settimane che Ugo Foscolo. Indagatore dell'incubo, è sulla mia scrivania. Quattro settimane in cui lo rileggo di tanto in tanto, a frammenti e bocconi, senza decidermi a scriverne una recensione. Perché per parlare di questo lavoro di Davide La Rosa, primo capitolo del La Rosa Universe (su cosa sia ci torneremo tra poco), occorre tempo e un metodo per scrivere qualcosa di diverso da una recensione canonica. In sostanza, sono quattro settimane che fisso il ricamo della copertina e chiedo al poeta ivi ritratto: mò come faccio a spiegarti al volgo? Ma quello tace e si limita a pettinarsi le basette, ché tanto il blog non è suo e io non sono Napoleone.


Abbiamo il colpevole della scomparsa dei dinosauri. u_u

Allora partiamo da una premessa, un punto che a me sembra fondamentale: Ugo Foscolo indagatore dell'incubo è un'opera nella quale il romanzo si sovrappone al fumetto e, al tempo stesso, un romanzo che senza il fumetto (un fumetto disegnato male, anzi malissimo, ma la cosa è elemento portante dell'intera faccenda) perderebbe un buon cinquanta per cento della sua “forza” narrativa.

Se sono riuscita a spiegarmi fino a qui, capirete anche perché trovo difficile parlare di questo lavoro nei termini classici. Ugo Foscolo indagatore dell'incubo è un romanzo a fumetti, non una graphic novel, non un fumetto puro. È un romanzo disegnato, illustrato, e manoscritto. Ricorda, da molto lontano, quei fumetti che tutti, tra le medie e gli inizi del liceo, prima dell'invenzione della Playstation (sempre sia lodata) e di Tomb Raider (gloria eterna) producevamo per noi e pochi intimi, con discrezione perché sennò i bulli ci avrebbero pestati. E si tratta di un romanzo scritto con una intelligenza, ironia e capacità narrativa indiscutibili.

Si parte da un cimitero infestato dagli zombi, evocati come atto di ribellione contro l'editto di Saint Cloud, contro i quali Ugo Foscolo combatte e che agilmente debella e termina con un bel cliffhanger: l'avvento nel mondo di un blob mostruoso liberato da un manipolo di ottimisti.

Partiamo dalla documentazione. Leggendo e rileggendo questo romanzo a fumetti si percepisce immediatamente quanto sia stato profondo lo studio del personaggio da parte dell'autore. Quello che Davide La Rosa mette in scena è una copia conforme al vero Ugo Foscolo, una copia talmente fedele all'immagine che traspare dai suoi scritti che, se fosse stato anche disegnato bene, avrebbe perso tutto il suo potenziale narrativo. Per questo, poco sopra, dicevo che il fumetto, e questo genere di fumetto in particolare, è fondamentale perché il romanzo funzioni.

Ovviamente non soltanto Foscolo, ma su tutta la pletora di amici e nemici e situazioni si avverte lo studio e l'approfondimento operato da La Rosa prima della scrittura del romanzo. I personaggi, da Jacopo Ortis a Ippolito Pindemonte, funzionano perché l'autore li conosce, li ha fatti propri, e riesce a sfruttarli per la costruzione della sua opera. Inserendo via via una serie di citazioni che spaziano dal passato al presente, più o meno vistose, sempre utili alla storia.


Una storia che, oltre ad essere intelligente e appassionante è anche parecchio divertente. C'è da dire, su questo punto, che Davide La Rosa è uno dei pochi autori italiani che conosca a sapere gestire davvero l'ironia. Un'arte, quella di saper far ridere, che non tutti sono in grado di mettere in scena. Sembrerà paradossale, ma è così: l'umorismo non è sparare due battute da un microfono, unirci un rutto e aspettare gli applausi, si può far ridere solo se si hanno gli strumenti per farlo. Ecco, per quanto mi riguarda, Davide La Rosa questi strumenti li possiede tutti. Sa prendere una situazione e proporne, in maniera surreale, diretta o sottile il suo aspetto comico o grottesco. E questo è anche, lo confesso, il motivo principale che mi ha spinta a comprare il volume. Mi aspettavo qualcosa che facesse ridere, e sapevo che non mi avrebbe deluso.
Ogni tanto mi piace scommettere sui cavalli vincenti.

UGO FOSCOLO. Indagatore dell'incubo
di Davide La Rosa
Saldapress
152 pg
✮✮✮✮

Due parole due su La Rosa Universe: si tratta di un progetto nel quale, di albo in albo, La Rosa riesumerà gli scrittori del passato per proiettarli in storie fantastiche e surreali “tutte collegate tra di loro”. Dal 25 novembre è disponibile, sempre per saldapress, Leopardi e Ranieri - True Veri Detective, secondo capitolo dell' Universo LaRosiano. E presto avremmo modo di parlarne su questi lidi.

Restiamo in contatto? InstagramTwitterGoodreadsFacebook

Commenti

Post popolari in questo blog

BIBLIOFETICCI. Casa di Foglie - Mark Z. Danielewski

Oggi, anno del signore 2017, inauguriamo Bibliofeticci, rubrica a cadenza boh che si occuperà di quei testi che, per svariate ragioni, sono finiti nel buco nero dei fuori catalogo. E hanno, quasi nello stesso momento, scatenato le brame dei collezionisti.
A inaugurare la rubrica non poteva che essere Casa di foglie [tit. or. House of Leaves] di Mark Z. Danielewski autore che, se qui è praticamente sconosciuto, in America gode di un nutrito – e meritato - seguito di fan.

Danielewski impiega circa dieci anni per scrivere, anzi assemblare Casa di foglie, e nel farlo lascia che alcune parti vengano diffuse via web, suscitando fin da subito l'interesse del pubblico. Tredici anni è invece il tempo che impiega per mettere a punto il suo secondo lavoro, un'epopea familiare che è nota come la saga di The familiar.

Pubblicato in patria nel 2000, ristampato da allora più volte e considerato, a oggi, l'opera principale di MZD, Casa di foglie viene portato in Italia da Mondadori che, nell…

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…

*Chi l'ha letto?* n°2 - Anais Nin e Il delta di Venere

Buongiorno lettori alle prese con il cappuccino e le sveglie e le camicie che è una tortura indossarle con questo tempo. Spazio rubrica mensile che ho un po' modificato, nel corso del mese. Se prima Chi l'ha letto? si occupava di scrittori dimenticati, da questo momento parleremo di quelle opere che non tutti conosco e che, per un motivo o un altro, meriterebbero una lettura. Penso che, in questo modo, la rubrica possa risultare più interessante e meno "agiografica". In fondo, a noi lettori, frega meno dello scrittore e più delle cose che ha scritto... non vi pare?

L'opera di questo mese è l'antologia erotica Il delta di Venere, scritta negli anni quaranta da Anais Nin, amica di Henry Miller e figura particolare della letteratura americana degli anni sessanta. Il delta di Venere è una raccolta di racconti che vide la luce parecchi anni dopo la loro stesura, quando già la Nin aveva ottenuto un suo riconoscimento letterario con la pubblicazione dei Diari. Si tr…