Passa ai contenuti principali

Wishlist

Nel caso in cui dovessi restare senza idee... Quei libri che mi hanno detto: "dai, perché non mi leggi?" e sono ancora in attesa di finire tra le mie mani ❤


...aggiornamento...

  • Jenn Ashworth - UN CERTO GRADO DI INTIMITÀ 
  • Tony Sandoval - IL CADAVERE E IL SOFÀ  (letto 07/2015)
  • Andrea Carlo Cappi - LE VAMPIRE DI PRAGA
  • Antonella Cilento - LISARIO O IL PIACERE INFINITO DELLE DONNE
  • Barbara Baraldi - STRIGES. LA VOCE DELL'OMBRA
  • Wu Ming - L'ARMATA DEI SONNAMBULI
  • Albert Camus - LA PESTE
  • Gene Wilder - LA MIA PUTTANA FRANCESE
  • Roald Dahl - LO ZIO OSWALD
  • Timur Vermes - LUI  È TORNATO
  • J. J. Abrams e Dorst Doug - LA NAVE DI TESEO DI V.M. STRAKA
  • David Cronenberg - DIVORATI
  • Lewis Roy - IL PIÙ GRANDE UOMO SCIMMIA DEL PLEISTOCENE
  • Reif Larsen - LE MAPPE DEI MIEI SOGNI 
  • Mizuki Shingeru - ENCICLOPEDIA DEI MOSTRI GIAPPONESI
  • Anna Starobinec - ZERO
  • Walton Leslye - LO STRAORDINARIO MONDO DI AVA LAVENDER
  • Miriam Toews - I MIEI PICCOLI DISPIACERI
  • Aa.Vv. - INTANTO DA QUALCHE PARTE NELLO SPAZIO (letto 07/2015)
  • Federico Guerri - QUESTA SONO IO (letto 08/2015)
  • Sebastià Alzamora - LA PELLE E LA PRINCIPESSA
  • Julie Maroh - IL BLU È UN COLORE CALDO
  • Dino Buzzati - POEMA A FUMETTI
  • Janne Teller - NIENTE
  • Arkadi e Boris Strugatzki - PICNIC SUL CIGLIO DELLA STRADA
  • Marilù Oliva - LO ZOO
  • Alessandro Sesto - LASCIA STARE IL LA MAGGIORE CHE L'HA GIÀ USATO BEETHOVEN
  • Marco Parlato - TIROIDE
  • Mario Rossi - TRE IO
  • Gianni Tetti - METTE PIOGGIA 
  • John Wyndham - I TRASFIGURATI
  • J. G. Ballard - IL CONDOMINIO
  • Carlton Mellick III - APOCALISSE PELUCHE
  • Jeff VanderMeer - TRILOGIA DELL'AREA X
  • Aa. Vv. - RACCONTI NERI DELLA SCAPIGLIATURA ITALIANA
  • Barbare Schaer - ONISLAYER
  • Diego Zuniga - PASSEREMO PER IL DESERTO
  • Lynn Cullen - MRS. POE
  • Luz - CATARSI
  • Aa.Vv. - VOLTAIRE LIGHT
  • Ignacio Escolar - 31 NOTTI
  • Ryu Murakami - TOKIO SOUP





























Post popolari in questo blog

BIBLIOFETICCI. Casa di Foglie - Mark Z. Danielewski

Oggi, anno del signore 2017, inauguriamo Bibliofeticci, rubrica a cadenza boh che si occuperà di quei testi che, per svariate ragioni, sono finiti nel buco nero dei fuori catalogo. E hanno, quasi nello stesso momento, scatenato le brame dei collezionisti.
A inaugurare la rubrica non poteva che essere Casa di foglie [tit. or. House of Leaves] di Mark Z. Danielewski autore che, se qui è praticamente sconosciuto, in America gode di un nutrito – e meritato - seguito di fan.

Danielewski impiega circa dieci anni per scrivere, anzi assemblare Casa di foglie, e nel farlo lascia che alcune parti vengano diffuse via web, suscitando fin da subito l'interesse del pubblico. Tredici anni è invece il tempo che impiega per mettere a punto il suo secondo lavoro, un'epopea familiare che è nota come la saga di The familiar.

Pubblicato in patria nel 2000, ristampato da allora più volte e considerato, a oggi, l'opera principale di MZD, Casa di foglie viene portato in Italia da Mondadori che, nell…

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…

*Chi l'ha letto?* n°2 - Anais Nin e Il delta di Venere

Buongiorno lettori alle prese con il cappuccino e le sveglie e le camicie che è una tortura indossarle con questo tempo. Spazio rubrica mensile che ho un po' modificato, nel corso del mese. Se prima Chi l'ha letto? si occupava di scrittori dimenticati, da questo momento parleremo di quelle opere che non tutti conosco e che, per un motivo o un altro, meriterebbero una lettura. Penso che, in questo modo, la rubrica possa risultare più interessante e meno "agiografica". In fondo, a noi lettori, frega meno dello scrittore e più delle cose che ha scritto... non vi pare?

L'opera di questo mese è l'antologia erotica Il delta di Venere, scritta negli anni quaranta da Anais Nin, amica di Henry Miller e figura particolare della letteratura americana degli anni sessanta. Il delta di Venere è una raccolta di racconti che vide la luce parecchi anni dopo la loro stesura, quando già la Nin aveva ottenuto un suo riconoscimento letterario con la pubblicazione dei Diari. Si tr…